Jazz & Wine of Peace 2018 – Cormons

Fabrizio Spera Concerts Reviews

Da annoverare senz’altro tra i gruppi più interessanti dell’attuale panorama italiano, il quartetto Roots Magic – protagonista di un acclamato concerto alla Tenuta Villanova di Farra d’Isonzo – conduce una brillante operazione di riscoperta ed attualizzazione delle radici blues del jazz, mettendo al tempo stesso in evidenza le sue intime connessioni con certe aree dell’avanguardia afroamericana. Ecco dunque che, senza scarti stilistici o squilibri contenutistici, un gospel blues come Dark Was The Night, Cold Was The Ground (1927) di Blind Willie Johnson può trovare adeguata corrispondenza nell’essenza spiritual di Humility In The Light Of The Creator di Kalaparusha Maurice McIntyre. Oppure, in November Cotton Flower di Marion Brown si possono riscontrare elementi comuni a Down The Dirt Road Blues (1929) di Charlie Patton, tra i massimi esponenti del Delta blues. E ancora Last Kind Words (1930), country blues di Geeshie Wiley, contiene germi della poetica di Ornette Coleman in A Girl Named Rainbow. Senza poi considerare che l’essenza del blues si manifesta anche in Old di Roscoe Mitchell e ancor prima in Call For All Demons di Sun Ra. La musica del quartetto vibra letteralmente grazie al viscerale e costante dialogo tra Alberto Popolla (clarinetti) ed Errico De Fabritiis (contralto, baritono), sostenuti dalla feconda sintonia tra Gianfranco Tedeschi (contrabbasso) e Fabrizio Spera (batteria). Seppur fatta da degli italiani, questa è grande musica nera: Great Black Music!

Enzo Boddi (MusicaJazz) read the complete article

… In scaletta brani di Charley Patton, Blind Willie Johnson, Pee Wee Russell, Ornette Coleman, Sun Ra, Roscoe Mitchell, Marion Brown: dal blues del Delta al free, dalla New York della scena loft alla Chicago dell’AACM, un lungo filo rosso nel segno di una visione onnicomprensiva della musica nera. Un percorso suggestivo, tracciato con rispetto, energia e vibrante convinzione, tra assoli infuocati (in grande spolvero Popolla) e brucianti accelerazioni.

Luca Canini (Il Giornale della Musica 6-11-2018)

Villanova di Farra d’Isonzo, 28/10/2018 – Jazz&Wine of Peace 2018 – Circolo Controtempo – Tenuta Villanova Farra d’Isonzo – ROOTS MAGIC –  Foto Fabio Gamba/Phocus Agency © 2018